Cooper: Il Gatto Fotografo

Cooper: Il Gatto Fotografo

Cooper: Il Gatto Fotografo – Cooper è un gattone rossiccio di Seattle, che nel tempo libero si dedica alla fotografia, regalandoci scatti suggestivi e insoliti della sua vita di felino. Ecco la sua storia.

Cooper è un felino americano, originario di Seattle, Stati Uniti d’America, noto sul web per le sue esilaranti fotografie, che mostrano la vita dalla prospettiva di un gatto.

I suoi padroni Michael Cross e sua moglie Deirdre, circa cinque anni fa, hanno deciso di appendere al collo di Cooper una fotocamera a tempo, capace di scattare foto ogni due minuti.

La molla è scattata quando, Cross e sua moglie, hanno visto il micio felice e gioioso di essere lasciato libero di girare per la città.

Dove andrà il mio gatto quando non è in casa? Con chi interagisce? E’ in pericolo? Sono questi gli interrogativi più comuni, che si pongono coloro che hanno avuto modo di tenere un micio in casa. E a quanto pare sono queste le domande a cui la coppia, ha cercato una risposta attraverso l’esperimento della fotocamera.

Il primo giorno i due sono rimasti sbalorditi del risultato. Le foto portate a casa da Cooper, erano un vero e proprio capolavoro. Guardare dove il gatto preferisse girare, con quali altri felini interagisse, cosa amasse guardare, quali fossero i suoi passatempi preferiti, ha aperto una nuova prospettiva.

Vedere il mondo dagli occhi di un gatto a pochi centrimetri da terra, è tutta un’altra storia rispetto a come siamo abituati.

L’esperimento ha riscosso così tanto successo, che oggi le foto di Cooper sono già state esposte a due mostre, a Seattle e Chigago.

Il ricavato raccolto durante la mostra fotografica, al Chicago Nature Museum è stato donato in beneficenza, all’associazione Paws, che gestisce un rifugio per cani e gatti.

Il Gatto Fotografo è diventato famoso in rete, grazie alla sua pagina facebook, che contata migliaia di fans, dove i padroni condividono i suoi scatti.

Cooper ha anche un suo sito web e le sue foto vengono vendute in tutto il mondo.

In un momento storico in cui fotografarsi, filmarsi e selfarsi, per poi spiattellare tutto sui social, la fa da padrone. La scelta della coppia statunitense, di usare una fotocamera per “spiare” un gatto, viene da alcuni criticata. Considerandola una sorta di violazione della privacy.

Addirittura alcuni pensano che questo aggeggio al collo del gatto possa procurargli fastidio.
Sul punto è importante precisare che oggi Cooper esce con la fotocamera, solo una volta a settimana. Inoltre gli scatti mostrano il gatto, sempre felice e gioioso di poter essere lasciato libero di girovagare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.